Quinta fermata!

In questa quinta fermata vorrei parlarvi di una persona davvero speciale. Quando si pensa alla figura del nonno, ci si immagina una persona che ama i nipoti, si diverte, sa dare buoni consigli e soprattutto non vede l’ora di stare con loro.
Sai nonno Giacomo, per me tu sei stato e continui ad essere tutto questo!!!

Ricordo quando da piccolo venivo in vacanza da te e nonna, tu facevi l’autista dei pullman e mi portavi con te a fare la linea, per me era un’emozione enorme. I giri che facevo in bicicletta nel tuo deposito sono indimenticabili…

Ricordo quando tutte le domeniche tu e nonna venivate a trovarci a Borno, io non vedevo l’ora che  si aprisse la porta per abbracciarvi e stare con voi, ogni sera poi quando dovevate tornare a casa, mi mettevo a piangere perché non volevo lasciarvi andare via.

Ricordo quando ad ogni partita di campionato tu mi chiamavi a casa, per commentare con me la prestazione della “tua Juve” e del “mio Milan”.

Ricordo la mia gioia quando suonavi la pianola e io ti ascoltavo a bocca aperta e cantavo con te.

Ricordo quando dopo la tua pensione siete venuti ad abitare a Borno e io il sabato venivo a dormire da voi, prima di addormentarci guardavamo “La Corrida” o i film di Bud Spancer e Terence Hill, ridendo a crepa pelle come due scemi!

Ricordo i nostri giri in macchina cantando a squarcia gola le canzoni di “liscio” delle tue cassette(che anche ora custodisco gelosamente…)

Questa è una delle canzoni che ascoltavamo insieme…

Ricordo quando in terza media mi arrivo il motorino elettrico a quattro ruote e tu pensando di non farti vedere, mi seguivi per essere sicuro che io riuscissi a cavarmela da solo.

Ricordo gli anni della tua malattia, non hai mai perso la voglia di scherzare e di farmi ridere…

Ricordo quando il 18 ottobre 1995 sono venuto a trovarti a casa e tu mi hai dato 10 mila lire di mancia per San Luca…

Ricordo che venerdì 20 ottobre 1995 stavi bene e per un’oretta siamo stati a chiacchierare insieme, che mi hai raccontato di quando eri bambino. Quella è stata l’ultima volta che ti ho visto…

Ricordo che  il giorno dopo ti è venuta la febbre alta, la domenica mattina ti hanno ricoverato, le tue condizioni sono peggiorate e… quella sera del 22 ottobre 1995 alle 21.25, arrivò quella terribile telefonata  della zia Franca che dava la notizia che la tua vita terrena era terminata. In quel momento mi sono sentito mancare, non potevo sopportare di aver perso te, che sei stato fondamentale nei miei primi 14 anni di vita!

Caro nonno, da quel brutto giorno sono passati quasi 14 anni e devo dire che non ti ho mai perso, ogni giorno sento la tua presenza e il tuo sostegno e di questo ti ringrazio tanto.

TI VOGLIO BENE NONNO GIACOMO!!!