IL RITORNO

Lourdes.gruppo
Eccomi a casa carico di ore di sonno da recuperare, ma con il cuore traboccante di gioia! Sono davvero felice di aver vissuto questo pellegrinaggio con persone splendide (non cito nessuno perché farei torto agli altri). Sono partito giovedì con tante preoccupazioni, torno oggi sentendomi parte di un gruppo davvero bello. Ho capito che i limiti che credevo insuperabili, me li creavo io e mi limitavo troppo. Alcune amicizie si sono rinsaldate, sono nati nuovi e importanti legami che considero un dono enorme che spero ed inaspettato. Grazie davvero a tutti. Spero possa presto ripetersi un’altra occasione per ritrovarci insieme!
Permettetemi adesso di essere per una volta fiero di me: sono felice di avere accettato la sfida e di essermi messo in gioco, ne avevo molto bisogno, mi sento ancora vivo e in grado di cavarmela degnamente anche fuori dalla routine quotidiana. Grazie a mamma e Marco, che hanno sempre più fiducia nelle mie possibilità, di quanto ne abbia io.
Luca che piace a me esiste ancora!
Dal punto di vista spirituale, questo pellegrinaggio a Lourdes mi ha sicuramente regalato tante indicazioni importanti, ora sta a me rielaborarle e fare in modo che producano frutto. È finita una splendida esperienza, ma la mia vita continua. Riprendo il mio percorso con grande entusiasmo.

In partenza

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Mancano ormai poco più di 24 ore alla partenza del mio pellegrinaggio a Lourdes. Ci ritorno per la quarta volta, ma come al solito, so bene, che sarà un’esperienza completamente diversa dalle altre.
Prima di tutto rappresenta una sfida molto importante per me. Forse sto diventando vecchio, se fino a qualche anno fa non avevo alcun problema, ormai da parecchio tempo non mi muovo più se non accompagnato da un membro della famiglia. Non mi risulta più facile affidarmi a persone esterne per farmi assistere nelle necessità fisiche che ho. Proprio per questo motivo ho accettato l’invito di un gruppo dove ho tanti amici, per provare a rimettermi in gioco e capire che è sbagliato  negarmi la possibilità di vivere delle esperienze solo perché ho timore di chiedere e accettare aiuto.
C’è poi ovviamente l’aspetto spirituale, un pellegrinaggio in questa fase della mia vita, non può far altro che farmi bene. Non ultimo, poi ritengo importante vivere quest’esperienza nel ricordo di due amici, Stefano e Giuseppe che ho conosciuto quattro anni fa proprio a Lourdes.
Ci risentiamo martedì!