13) Arrivederci scittura!

mercoledì 29 marzo 2017

Queste ultime settimane, mi sono volate, forse perché sono state giornate piene, ricche di incontri e di esperienze nuove e stimolanti.
Questa sera perciò ho deciso di fermarmi a fare un po’ i conti con me stesso.
Amo la vita, sono fiero di tante cose che sono riuscito a fare, grazie alla mia forza di volontà e al sostegno fondamentale della mia famiglia e degli amici, che negli anni ho avuto il privilegio di avere accanto. Sento, però il bisogno di cambiare, mettermi in gioco in esperienze nuove che possano ridarmi la voglia di svegliarmi la mattina e cominciare le mie giornate con più entusiasmo.
Scrivere mi manca davvero tanto, l’emozionarmi nel condividere le vicende dei miei personaggi, scoprire insieme a loro, pagina dopo pagina ciò che accade. Credo, però, di stare sperimentando il famoso “blocco dello scrittore. Per più di cinque anni la scrittura è stata la mia gioia, la mia terapia, ciò che mi faceva stare bene e sono certo che lo sarà anche in futuro, ma in questo momento sento il bisogno di cercare e trovare una strada nuova, una strada che mi faccia andare  a letto la sera felice e contento, fiero di me.
Grazie mia amata scrittura, ovviamente questo non è un addio, ma un arrivederci, ne sono certo.
Ovviamente non vi libererete di me. Questo appuntamento settimanale del giovedì, se tutto va bene, continuerà fino in dicembre e anche il blog “La Parola della Domenica”, andrà sicuramente avanti ancora per qualche mese.
Grazie alle tante persone che mi hanno sostenuto e continuano a farlo. Grazie a chi dimostra di volermi bene, non tanto con belle parole, ma con i fatti, nonostante i miei continui alti e bassi.
Io sono fatto così ogni tot di tempo ho bisogno di cambiare strada. Ora è giunto quel momento.
Che strada sarà? Non lo so. Chi vivrà vedrà…